Chéu, Gigli e Palma in conferenza stampa: “La responsabilità è di tutti noi”

Le dichiarazioni del mister Ricardo Chéu: ““Oggi una cosa sola possiamo fare: chiedere scusa ai tifosi ed assumerci tutte le responsabilità di una sconfitta figlia della mancanza di impegno, rigore e controllo. Una volta passati in vantaggio potevamo gestire la partita a nostro piacimento, sfruttando le nostre caratteristiche e invece abbiamo subìto il possesso palla del Siracusa non riuscendo neanche a sfruttare le occasioni create con una serie di ripartenze. Negli ultimi 20’ ancora una volta abbiamo mollato la presa sotto l’aspetto mentale e caratteriale. Poi chiaramente, ci sono state poi tante situazioni penalizzanti, come gli infortuni di Dabo e quello di Gondo, ma non può e non deve diventare un alibi: personalmente mi assumo tutte le responsabilità di questa sconfitta. Ci sono molte cose che dovremo cambiare durante questa settimana: siamo solo alla nona giornata, abbiamo tempo per recuperare, ma bisogna cambiare registro. Dimettermi? Non ci ho pensato e non ci penso. Quando sono arrivato qui sapevo che avrei dovuto iniziare un percorso nuovo e per l’amore che ho per il calcio ho sacrificato tutto: la famiglia in primis che è rimasta in Portogallo. Questo è un momento negativo, ma dovremo essere bravi a rialzare la testa, rimboccarci le maniche e cercare di migliorare”.

Le dichiarazioni di capitan Gigli: “Ci prendiamo tutte le responsabilità ripartiamo da quello che di buono avevamo fatto a Lentini contro la Sicula cercando di migliorare laddove c’è effettivamente bisogno di cambiare registro”

Le dichiarazioni di Palma: “Partiti bene con questo gol lampo, primo tempo equiIibrato, poi nella ripresa abbiamo abbassato la squadra soffrendo troppo. La colpa è solo la nostra e non di certo del tecnico. Noi ci dobbiamo prendere la responsabilità di queste sconfitte perché siamo uomini, siamo professionisti e già dalla
Ci abbassiamo perché mentalmente tendiamo a difendere per portare la partita a casa”